lunedì 10 agosto 2015

Massaggio Thai


Il massaggio tradizionale thai del sud (Nuad Bo Rarn), si svolge sull’intero corpo, include differenti passaggi e tecniche: la digitopressione sulle linee energetiche dette Sen, la pressione con i palmi delle mani, delle piante dei piedi e a volte dei gomiti. Include mobilitazioni ed allungamenti in posizioni simili alle posture (asana) dello yoga, per stimolare una maggiore flessibilità del corpo per questo è considerato uno “yoga passivo”. E’ un massaggio completo che stimola muscoli, articolazioni, sistema circolatorio e linfatico per donare un riequilibrio generale della persona. 
Il trattamento proposto dura circa 90 min. 
Benefici:
Miglioramento della circolazione venosa e linfatica
Allentamento delle tensioni tendineo muscolari ed articolari
Miglioramento della postura e dell’assetto dell’apparato scheletrico
Maggiore elasticità
Riequilibrio degli organi interni
Profondo rilassamento

Il massaggio thai con olio unisce le proprietà del massaggio con l'olio con l'efficacia di quello tradizionale. Comprende tecniche pressorie e di scivolamento che mirano a conferire elasticità e tonicità all'apparato muscolare, senza tralasciare la mobilizzazione articolare tipica della tradizione thai. L'applicazione dell'olio sulla pelle e l'accortezza della tecnica, che prevede un'alternanza di movimenti fluidi e delicati di pressione con i palmi, dita e gomiti su tutto il corpo, ne fanno un massaggio completo dall'effetto rilassante, tonificante e rigenerante. 
L'eventuale aggiunta di oli essenziali nell'olio vettore, impreziosisce l'esperienza grazie alle fragranze aromatiche e alla risonanza che suscitano.  
Benefici:
Miglioramento della circolazione venosa e linfatica
Allentamento delle tensioni tendineo muscolari ed articolari
Idratazione e stimolazione cutanea
Drenaggio di liquidi
Profondo rilassamento
Il trattamento proposto dura circa 90 min.

Il massaggio thai del viso è sia un trattamento di bellezza che include la cura del viso con detersione, scrub e maschera, sia un massaggio profondo tipico della tradizione thai con tocchi, pressioni e stimolazioni di punti e linee riflesse. Include dei passaggi sulla testa, nell’area clavicolare e sul collo anche attraverso movimenti di streching. 
Il trattamento si svolge in circa 60 min.
Benefici:
Miglioramento della circolazione venosa e linfatica
Distensione delle tensioni muscolari del volto e degli occhi
Pulizia e luminosità della pelle
Stimolazione delle aree riflesse
Prevenzione di emicranie ed infiammazioni (area temporale e trigemino)

Il massaggio thai del piede è un trattamento effettuato attraverso diverse tecniche manuali (digitopressione, pressioni, frizioni e picchiettamento) eseguite su tutto il piede, la caviglia e la gamba fino al ginocchio sulle linee energetiche dette Sen. Una parte è dedicata alla stimolazione dei punti riflessi sulla pianta del piede, per questa si utilizza un apposito bastoncino. Il trattamento completo dura circa 75 min.
Benefici:
Miglioramento della circolazione venosa e linfatica
Drenaggio profondo del ristagno di liquidi a livello dei piedi, delle caviglie e dei polpacci
Prevenzione di alcuni disturbi (respiratori, genitali, digestivi) grazie alla stimolazione  dei punti riflessi
Miglioramento della postura
Profondo rilassamento

Un accenno sulle origini del massaggio thai
Grazie alla sua posizione geografica, in Tailandia si trovano tracce dell’influenza della cultura cinese e di quella indiana. Il massaggio tradizionale tailandese sembra sia giunto dall’India con l’espansione del buddismo e della cultura indiana. Ci si riferisce in particolare al medico ayurvedico Jivaca Kumar Baccha, vissuto nel 500 a.c. Secondo la tradizione fu lui a mettere a punto le tecniche del massaggio, della medicina e dell’erboristica tailandese tramandate fino ai giorni nostri. La scuola di riferimento per il massaggio tradizionale (detto del Sud) è quella del tempio di Wat Pho (il tempio del Buddha giacente) a Bangkok. In questo tempio si trovano le rappresentazioni delle 10 linee dell’apparato energetico nel corpo umano, dette Sen, fondamento teorico della medicina tailandese. 

Nella foto sopra sono io in un momento del "durissimo" apprendimento.

8 commenti:

  1. quante cosine interessanti, conosco questo massaggio e le tecniche di cui parli!!!Ma dai sei insegnante di yoga????Io lo praticavo, mi piaceva molto, poi ho avuto un serio problema alla schiena, ho tre ernie al disco e ho smesso, secondo te mi farebbe male con questo problema riprendere???mi giovava molto alla salute, per l'energia, l'umore.....Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me lo yoga si può praticare anche con dei disturbi seri. Intanto sei sempre tu a regolarti e a non forzare nelle posizioni, a fermarti molto prima di sentire (tirare) il corpo. Questo dovrebbe essere il presupposto, poi diciamo che dipende dal tipo di yoga e dall'insegnante. Ora vengono proposti yoga molto dinamici e ginnici, questi potrebbero essere controindicati nel tuo caso. Mentre lezioni di yoga impostate sull'ascolto e il respiro ti gioverebbero certamente, anche a livello di postura e tonicità, quindi anche al "contenimento" delle tue ernie. Ma sei giovane, vero, come mai 3 ernie?

      Elimina
  2. molto interessante, sono venuto a curiosare e verrò spesso, non conosco ovviamente le tecniche ma so del beneficio che possono dare a più persone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi fa molto piacere il tuo interesse!

      Elimina
  3. Che figata questo blog! Ti seguirò appassionatamente!
    Smack Smack Smak

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Letissia, sono molto emozionata e contenta, ritrovarti su questo versante. Bacioni

      Elimina
  4. Adoro i massaggi di qualsiasi genere e dopo 75 minuti di massaggio al piede mi sentirei sicuramente molto felice:)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, bene, sei un'estimatrice allora ; )

      Elimina